RIPARTIRE ALLA GRANDE? Iniziamo dalla colazione!

Un team di esperti del settore composto da Manager, Formatori e Imprenditori di provata e riconosciuta esperienza, da Medici Specialisti in Dermatologia, Medicina Termale e Riabilitativa, Chirurgia Plastica, Spa Manager, Spa Trainer ed esperte Estetiste che ha maturato una lunga esperienza nell'ambito delle più prestigiose Spa e Medical Spa italiane.

Scheda Articolo

RIPARTIRE ALLA GRANDE? Iniziamo dalla colazione!

Pubblicato in data 16/09/2016

Colazione per ripartire

Tempo di rientri al lavoro ed a scuola. Quale momento migliore, della colazione, per fare il pieno di energia? Spesso si va di fretta e nella migliore delle ipotesi ci si accontenta di cibi confezionati quando non si salta a piè pari il pasto principe della giornata, dopo il lungo digiuno notturno.

Per grandi e piccoli ecco 5 consigli su come rendere efficace la ricarica del mattino:

1) Un dolce risveglio
Gli italiani, si sa, prediligono una colazione dolce (cornetti, torte, biscotti, cereali al cioccolato, ecc.), ricca di zuccheri che saziano al momento ma altrettanto rapidamente, nel corso della mattinata la fame torna. Meglio optare per cibi integrali, ad alto contenuto di fibre che aumentano il senso di sazietà e contribuiscono a ridurre l’assorbimento di grassi e zuccheri. Un gustoso muesli di cereali integrali, frutta secca, semi oleosi e, perché no, cioccolata fondente ci darà una marcia in più.

2) Alla ricerca delle proteine perdute
Le proteine a colazione, oltre a bilanciare il pasto rendendolo più completo, forniscono un senso di sazietà più prolungato, poiché, come i grassi, impiegano più tempo ad essere digerite. Quindi via libera a pancake o crepes fatti in casa con farina di mandorle, yogurt, frutta secca, persino una bella colazione all’inglese!

2) Il sano che inganna
Altro mito da sfatare: i succhi di frutta e lo yogurt, che non sono poi così salutari come si potrebbe pensare. I primi, specie se confezionati, sono molto ricchi di zucchero: meglio quindi sostituirli con spremute, centrifughe o frullati fatti in casa sul momento o, se ne abbiamo il tempo, il frutto intero. Analogo discorso per gli yogurt: paradossalmente sono proprio quelli “magri” (a ridotto contenuto di grassi) ad essere più zuccherati degli yogurt “interi”.

4) La fretta è cattiva consigliera
Evitare la fretta nel fare colazione e le distrazioni di tv, pc, cellulare o addirittura in viaggio. Concedetevi almeno 10-15 minuti di calma per gustarvi il cibo almeno entro un’ora dal risveglio: più si ritarda la colazione, infatti, più aumenterà il vostro senso di fame, ed il rischio di abbuffarvi.

5) Non restare “a secco”
La prima sana abitudine al risveglio dovrebbe essere bere un bicchiere d’acqua: un semplice trucco per pulire l’apparato digerente dopo la notte di digiuno, idratarlo e prepararlo al meglio alle sue importanti funzioni.