Realizzazione e Progettazione di centri benessere wellness spa

Un team di esperti del settore composto da Manager, Formatori e Imprenditori di provata e riconosciuta esperienza, da Medici Specialisti in Dermatologia, Medicina Termale e Riabilitativa, Chirurgia Plastica, Spa Manager, Spa Trainer ed esperte Estetiste che ha maturato una lunga esperienza nell'ambito delle più prestigiose Spa e Medical Spa italiane.

Archivio articoli e news

RESET PROGRAM - PREMI IL BOTTONE RESET DELLA TUA MENTE

Pubblicato in data 24-08-2017

Condividi la news RESET PROGRAM - PREMI IL BOTTONE RESET DELLA TUA MENTE su Facebook
reset

Questo mese, molti italiani hanno avuto bisogno di tempo libero per andare in vacanza, recuperare progetti e momenti da condividere in famiglia e con gli amici. Ma molti di noi si sentiranno in colpa per averlo fatto. Ci preoccupiamo di tutte le mail di lavoro che si accumulano e in molti casi continuiamo a controllarle in modo compulsivo consumando questo tempo così prezioso. Ma attenzione al falso stacco. Assicurati che sia reale: la vacanza estiva è molto di più che una semplice tradizione. Insieme alla famiglia, al cibo, alla condivisione, è il modo migliore per rigenerare il nostro bel cervello. Ogni giorno siamo assaliti da fatti, più o meno veri, notizie e pettegolezzi di ogni tipo (da uno studio del 2011, in una giornata media, veniamo bombardati da 174 informazioni giornaliere, cinque volte più che nel 1986). Poiché le 21.274 stazioni televisive del mondo producono ogni giorno circa 85.000 ore di programmazione originale (dati del 2003!), ci dividiamo una media di cinque ore di televisione al giorno a testa. Per ogni ora del video di YouTube che si guarda, ci sono 5.999 ore di nuovi video appena pubblicati! Se ti senti sovraccarico, c'è un motivo: la capacità di elaborazione della mente umana è limitata. Il nostro cervello ha due modi per prestare attenzione: la rete Positiva e la rete Negativa (si chiamano reti perché comprendono circuiti di neuroni all'interno del cervello, come quelli elettrici). La rete Positiva è attiva quando sei attivamente impegnato in un compito, concentrato su di esso e non distratto; i neuroscienziati la chiamano Centrale Esecutiva. La rete Negativa è attiva quando la tua mente viaggia: questa è la modalità di sogno-ad-occhi-aperti. Queste due reti funzionano alternativamente: quando una è attiva, l'altra non lo è. Questo sistema altalenante è una delle migliori conquiste del cervello umano e ci ha permesso scoprire il fuoco, costruire le piramidi, scoprire la penicillina e decodificare l'intero genoma umano. Quei progetti hanno richiesto molta perseveranza, ma la deduzione che ha portato a loro probabilmente è avvenuto nella modalità creativa del sogno-ad-occhi-aperti. Questo stato mentale, caratterizzato dal libero flusso di connessioni tra idee e pensieri disparati, è responsabile dei nostri momenti di grande creatività e intuizione, quando siamo in grado di risolvere i problemi che in precedenza sembravano impossibili.
Durante una passeggiata o lo shopping o in momenti che non richiedono un'attenzione costante…… ecco improvvisamente - il boom - la risposta a un problema ti appare. Questa è la modalità di vagabondaggio delle menti, in grado di connettere tra loro cose e fatti che in precedenza non avevamo collegato.
Una terza componente del sistema è il “focus” (la lente di messa a fuoco): aiuta a orientare la nostra attenzione, a dirci a cosa prestare attenzione e cosa possiamo ignorare in modo sicuro. E’ l’evoluzione del nostro vecchio sistema di allerta dai predatori e da altre situazioni pericolose.
Il flusso odierno continuo di informazioni da Twitter, Facebook, Instagram, messaggi di testo e simili, impegna questo sistema sovraccaricandolo, col rischio di ritrovarci a non prestare più attenzione a nessuna cosa per molto tempo: è la maledizione dell'età dell'informazione!
Il passaggio da sogno ad attenzione è controllato dall'insula, una piccola struttura del cervello grande come un pollice. L'efficacia di questo interruttore può diminuire se è sollecitato troppo spesso: allora ci sentiamo stanchi e un po’ storditi, come se stessimo girando vorticosamente. Ogni aggiornamento di stato che leggi su Facebook, ogni tweet o messaggio di testo che hai da un amico, compete con energie della tua mente nel controllare cose importanti (dove mettere i tuoi risparmi in titoli o obbligazioni? dove hai lasciato il tuo passaporto? come meglio riconciliarsi con un amico stretto con cui hai appena discusso?). Se vuoi essere più produttivo e creativo, e avere più energia, la scienza consiglia di dividere la tua giornata in periodi differenti.
Il tuo networking sociale dovrebbe essere fatto in un tempo prestabilito, senza interruzioni continue nella tua giornata. Anche la posta elettronica dovrebbe essere letta e scritte in tempi limitati. Una mail in attesa di essere letta sollecita le tue risorse attentive mentre il tuo cervello continua a pensare, distogliendolo da quello che stai facendo: di cosa potrebbe trattarsi? chi sarà? è una buona o cattiva notizia?
Meglio chiudere l’app delle mail che sentire quel ding costante e sapere che stai ignorando i messaggi! L'aumento della creatività avverrà naturalmente, se abbandoniamo il multitasking e ci immergiamo in un'unica attività per periodi di almeno 30-50 minuti. Diversi studi hanno dimostrato che una passeggiata nella natura o l'ascolto di musica possono innescare la modalità mentale creativa: vero e proprio pulsante di reset neurale in grado di fornire visioni prospettiche inusuali su ciò che stai facendo. Il sognare porta alla creatività e le attività creative ci mostrano la via, la possibilità di cambiare il mondo, di modellarlo a nostro piacimento, di entrare in sintonia col nostro ambiente. La musica, per esempio, risulta essere un metodo efficace per migliorare l'attenzione, migliorando la fiducia in sè stessi, stimolare l’impegno sociale e l’empatia. Questo concetto - che la soluzione dei problemi potrebbe richiedere un po’ di tempo e potrebbe non essere sempre immediata - potrebbe riflettersi profondamente sul tuo processo decisionale e anche sulla nostra economia.
Alcuni esempi: l'errore medico prevenibile è la terza causa principale di morte negli Stati Uniti, e produce centinaia di migliaia di morti ogni anno. Ci aspettiamo che il nostro diagnosta dia la giusta risposta, non la più veloce. Anche i piloti di linea devono potersi resettare, per questo motivo il controllo del traffico aereo e altri lavori ad alta attenzione richiedono spesso frequenti interruzioni. Diversi studi hanno dimostrato che le persone che lavorano fuori orario hanno minore rendimento. Fare due pause al giorno è biologicamente utile per resettarsi. Un pisolino sarebbe ancora meglio: bastano 10 minuti per migliorare la funzione cognitiva e il vigore, diminuendo sonnolenza e stanchezza. Se possiamo fare vacanze regolari - vere vacanze senza lavoro - e trovare il tempo per gli spuntini e la contemplazione, saremo in una condizione più favorevole per iniziare a risolvere alcuni dei grandi problemi nostri e del mondo in cui viviamo.
E saremo più felici e ben riposati mentre lo stiamo facendo.

Liberamente tradotto dall’articolo: Hit the Reset Button in Your Brain - By DANIEL J. LEVITIN New York Times, Aug, 9, 2014.
Daniel J. Levitin is the director of the Laboratory for Music, Cognition and Expertise at McGill University and the author of “The Organized Mind: Thinking Straight in the Age of Information Overload.”
A version of this appears in print on August 10, 2014, on page SR5 of the New York edition with the headline: Hit the Reset Button in Your Brain.

SCEGLIERE DI ESSERE BELLI

Pubblicato in data 2-1-2017

Condividi la news SCEGLIERE DI ESSERE BELLI su Facebook
bellezza

Viviamo in un mondo di plastica, sintetico, virtuale, fasullo. Ed il video che vedete ne è la dimostrazione: 85% di pubblicità (non informazione!); foto di donne giovani, sempre più giovani e magre, sempre più magre. Ma soprattutto ritoccate, frutto di Photoshop, quindi inesistenti ed irreali.
Se il mondo della moda (e dell’estetica) punta ad illudere donne e uomini con ideali sempre più mitici ed irraggiungibili, creeremo un mondo di insoddisfatti cronici ed infelici.
Se gran parte dei giovani (e non solo) riceve ogni giorno questi messaggi martellanti, per la legge dei neuroni specchio, si immedesimerà in questi modelli e si frustrerà ogni volta si vedrà nello specchio, perché diversa dall’idolo virtuale.
Come salvarsi da questa maledizione?
Non è facile svuotare un cestino pieno, né un cervello “radicato” su posizioni insane.
Noi di Spa Emotions, piccole formiche nel vasto mondo dell’estetica, da sempre lavoriamo per rendere uniche le persone, per renderle diverse le une dalle altre, perchè ogni gemma grezza può e deve essere tagliata secondo le proprie caratteristiche fisiche, chimiche, energetiche, ed esprimere la propria bellezza ed unicità.
Solo così, crediamo, lo stato di salute fisica ed emotiva inizierà un percorso di crescita che andrà ben oltre l’anti-age o la remise-en-forme, ma accenderà l’anima delle persone come tante lanterne, ognuna con la sua forma, i suoi colori, i suoi riflessi, ma tutte splendenti come stelle, in questo cielo buio ed inanimato che i tempi odierni ci regalano.
La conoscenza presuppone studio, esperienza, tempo e passione: tutti ingredienti presenti nel nostro DNA. Perchè solo chi conosce, può “ri-conoscere” problemi, situazioni, disfunzioni e correggerle in tutti coloro che vorranno sentirsi non come la diva o il divo di turno, ma “come se stessi”.
Qualità, sicurezza, e certificazione delle esperienze, poi, sono gli irrinunciabili “must” che ci prefiggiamo ogni giorno. Ci costano, tantissimo, ma siamo ancora degli incalliti ottimisti illusi che “servire sia l’arte suprema” come recitava una scena del film “La vita è bella”, perché “Dio serve gli uomini, ma non è servo degli uomini” e nemmeno dei Mass Media.

Vi consigliamo questo video: https://youtu.be/zIIKTNPP5Ts

LAVORARE CON SPA EMOTIONS

Pubblicato in data 28-12-2016

Condividi la news LAVORARE CON SPA EMOTIONS su Facebook
team

“Esiste un solo vero lusso, ed è quello dei rapporti umani”
A. de Saint Exupery.

Sentirsi parte di un gruppo, sentirsi in famiglia e collaborare per un obiettivo pianificato al raggiungimento di uno scopo è innato nello spirito umano, essere sociale con l’istinto di unione e condivisione.
Da qui l’importanza di imparare ad inserirsi ed integrarsi con esso, fasi non semplici, ma essenziali per attuare quel cambiamento fondamentale dall’ IO al NOI.
Perché si possa parlare di squadra, gruppo o equipe, deve sussistere uno spirito collettivo di collaborazione che consenta ai singoli di dare il massimo, consapevoli, però, che l’assunzione di un compito implica necessariamente assunzione di responsabilità individuale e collettiva, come gli anelli di una catena.
Le fasi di questa “integrazione” sono classicamente quattro:

1. EUFORIA: all’inizio le singole estetiste si avvicinano a noi per diversi motivi (bisogno di crescita professionale e formativa, difficoltà al raggiungimento degli obiettivi prefissati, bisogno di sentirsi incluse e riconosciute, fuga dalla mancanza di regole e di legalità). In questa fase c’è fermento, spirito positivo, voglia di partire ed euforia per la novità tanto a lungo idealizzata.

2. SCONTRO: terminata l’euforia iniziale, in questa delicatissima fase i singoli devono trovare l’incastro e la condivisione di regole, atteggiamenti, programmi e limiti col gruppo. Come gli ingredienti di una ricetta, dovranno amalgamarsi senza respingersi, brillare senza emergere. Chi, infatti, non riuscirà ad attenuare il proprio egocentrismo per sostituirlo col bene maggiore del gruppo, entrerà in una fase conflittuale e di sfida della propria volontà rispetto a quella del gruppo. In questa fase emergeranno i limiti individuali che ogni singolo dovrà affrontare e risolvere.

3. REALIZZO: passata la tempesta conflittuale, le differenti onde in contrasto tra loro, trovano un ritmo comune ed assumono la forza di uno tsunami, ricevendo e dandosi energia una con l’altra, in uno scambio reciproco e sinergico in cui la somma totale è maggiore della somma dei singoli. Si definiscono, in questa fase, i differenti ruoli e le aspettative su ogni componente del gruppo a seconda della sua posizione.

4. PRODUZIONE: a questo punto il gruppo è maturo per la prestazione ed è allineato sull’obiettivo. La comunicazione è franca ed aperta, ed il motore vola a pieni giri. Si è creata una comunità organizzata con una intelligenza collettiva diversa dalla somma delle singole intelligenze individuali, che si potenziano reciprocamente.

Perché intraprendere una esperienza del genere, così impegnativa, che mette alla prova, fa uscire allo scoperto e obbliga a cimentarsi con le proprie resistenze?

Perché, come diceva Seneca,
“la nostra società è come una volta di pietre: cadrebbe se esse non si sostenessero a vicenda, ed è proprio questo che la sorregge.”

Questa è la nostra esperienza, la nostra filosofia, il nostro credo, che unitamente al nostro codice etico fanno di noi ciò che vogliamo essere.

Siete i benvenuti !

RIPARTIRE ALLA GRANDE? Iniziamo dalla colazione!

Pubblicato in data 16/09/2016

Condividi la news RIPARTIRE ALLA GRANDE? Iniziamo dalla colazione! su Facebook
Colazione per ripartire

Tempo di rientri al lavoro ed a scuola. Quale momento migliore, della colazione, per fare il pieno di energia? Spesso si va di fretta e nella migliore delle ipotesi ci si accontenta di cibi confezionati quando non si salta a piè pari il pasto principe della giornata, dopo il lungo digiuno notturno.

Per grandi e piccoli ecco 5 consigli su come rendere efficace la ricarica del mattino:

1) Un dolce risveglio
Gli italiani, si sa, prediligono una colazione dolce (cornetti, torte, biscotti, cereali al cioccolato, ecc.), ricca di zuccheri che saziano al momento ma altrettanto rapidamente, nel corso della mattinata la fame torna. Meglio optare per cibi integrali, ad alto contenuto di fibre che aumentano il senso di sazietà e contribuiscono a ridurre l’assorbimento di grassi e zuccheri. Un gustoso muesli di cereali integrali, frutta secca, semi oleosi e, perché no, cioccolata fondente ci darà una marcia in più.

2) Alla ricerca delle proteine perdute
Le proteine a colazione, oltre a bilanciare il pasto rendendolo più completo, forniscono un senso di sazietà più prolungato, poiché, come i grassi, impiegano più tempo ad essere digerite. Quindi via libera a pancake o crepes fatti in casa con farina di mandorle, yogurt, frutta secca, persino una bella colazione all’inglese!

2) Il sano che inganna
Altro mito da sfatare: i succhi di frutta e lo yogurt, che non sono poi così salutari come si potrebbe pensare. I primi, specie se confezionati, sono molto ricchi di zucchero: meglio quindi sostituirli con spremute, centrifughe o frullati fatti in casa sul momento o, se ne abbiamo il tempo, il frutto intero. Analogo discorso per gli yogurt: paradossalmente sono proprio quelli “magri” (a ridotto contenuto di grassi) ad essere più zuccherati degli yogurt “interi”.

4) La fretta è cattiva consigliera
Evitare la fretta nel fare colazione e le distrazioni di tv, pc, cellulare o addirittura in viaggio. Concedetevi almeno 10-15 minuti di calma per gustarvi il cibo almeno entro un’ora dal risveglio: più si ritarda la colazione, infatti, più aumenterà il vostro senso di fame, ed il rischio di abbuffarvi.

5) Non restare “a secco”
La prima sana abitudine al risveglio dovrebbe essere bere un bicchiere d’acqua: un semplice trucco per pulire l’apparato digerente dopo la notte di digiuno, idratarlo e prepararlo al meglio alle sue importanti funzioni.

ESTETICA EUDERMICA E NO-NEEDLE THERAPY

Pubblicato in data 16-01-2016

Condividi la news ESTETICA EUDERMICA  E NO-NEEDLE THERAPY su Facebook
eudermia

L'Eudermia è lo stato di benessere cutaneo a cui tutti tendiamo: è equilibrio, salute, benessere, bellezza, scienza, medicina e chirurgia. Ma non la solita medicina e chirurgia estetica. Tratta la pelle col dovuto rispetto ed attenzione, conoscenza e professionalità, perché solo chi lavora con la pelle la conosce veramente “a fondo”. E solo chi ha studiato a lungo il metabolismo corporeo e le sue implicazioni estetiche può consigliare abitudini di vita e alimentari veramente innovative e funzionali, per un effetto "in e out” che cura la pelle anche dall'interno, in perfetta sinergia coi trattamenti estetici eudermici.
Cos'è l'estetica eudermica?
Un modo nuovo, più discreto e sano, di affrontare gli inestetismi di tutti i giorni, dall'acne alla cellulite, dalle smagliature alle rughe, con una particolare attenzione alla persona, alle sue caratteristiche psico-fisiche e dermatologiche, al suo stile di vita e alle sue abitudini alimentari.
Una medicina ed una dermoestetica olistiche, integrate, sequenziali, con fasi preparatorie e fasi di “perfezionamento” domiciliare dei risultati ottenuti, con l'utilizzo di cosmetici eudermici, simili alla composizione della nostra pelle, in sintonia con le sue funzioni naturali. Prodotti veicolati in modo indolore per restituire e reintegrare eventuali carenze che anni, tempo ed ambiente producono su di noi.
Aghi e bisturi sono ormai finiti nel dimenticatoio, sostituiti ormai da tecnologie non invasive e più performanti.
La pelle viene curata ed allenata ad un vero e proprio DERMOFITNESS, non gonfiata e dopata come prima. Scompare per sempre il dolore, ed anche i postumi ecchimotici di trattamenti cruenti ed invasivi, le scottature da radiofrequenza e le ustioni da elettrobisturi.
Non siamo più ai tempi del prof. Frankenstein, anche se ancora molte "creature" del pazzo inventore sono ancora in giro tra noi.
Spero sempre meno, per noi e per la loro salute.

ROYAL E GOLF MEDICAL SPA: benessere e salute nel cuore delle Alpi.

Pubblicato in data 9-1-2016

Condividi la news ROYAL E GOLF MEDICAL SPA: benessere e salute nel cuore delle Alpi. su Facebook
bianco

Ai piedi del Monte Bianco (tetto d’Europa) in Courmayeur (cuore delle Alpi) nasce la Royal e Golf Medical Spa, connubio vincente tra scienza ed estetica, efficacia e bellezza, salute e piacere.

FIND YOUR SPACE…….

Uno spazio elegante in cui gli ospiti sono invitati ad abbandonare lo stress della vita quotidiana per entrare in una dimensione di cura personale veramente innovativa ed assaporare esclusivi rituali, in un’atmosfera calda ed accogliente. La vera nota distintiva è la sinergia tra medici specialisti, equipe di estetiste e personal trainer, veri professionisti del settore, tutti impegnati nel fornire servizi e risultati unicI ed indimenticabili.
La Spa Manager Elena Gentile ed il Dermatologo Roberto Cavagna (rispettivamente Presidente e Direttore Scientifico SpaEmotions) hanno studiato per la struttura spazi, flussi, metodiche e trattamenti secondo le più recenti acquisizioni nel settore delle Medical Spa, per fare di questo centro un punto di riferimento non solo per la clientela ospite, ma anche per i residenti nell’alta Valle d’Aosta.
Professionisti di eccellenza del settore medico-specialistico (dermatologico, ortopedico, fisioterapico, nutrizionale, dietologico) ed estetico (le Beauty Specialist di Spa Emotions) danno vita ad un concept estetico-curativo assolutamente indolore e non invasivo, grazie a tecnologie diagnostiche e curative uniche, per risultati eccellenti in tempi minimi, quindi fruibili anche dalla clientela non residente.
Un team affiatato che accoglie l’ospite (cliente o paziente) in una prestigiosa struttura alberghiera, un rinomato ristorante stellato ed una Medical-Spa curativa all’avanguardia.
Questo è il nostro concetto di benessere “olistico”, che si respira in ogni piccolo particolare della struttura: prendersi realmente cura dell’individuo e del suo benessere, sollevandolo dal peso delle differenti problematiche estetiche, mediche, emozionali.

…… FIND YOUSELF!

Ritrovare se stessi: un nido non è solo relax, piacere, ristoro. Può e deve essere anche cura, ricarica, riequilibrio. Non si può prescindere dalla salute per creare benessere, quindi è necessario analizzare accuratamente ogni problematica, anche le più banali, in modo rapido e funzionale, per potere dare soluzioni altrettanto rapide ed efficaci.
Analisi corporea con ultrasuoni, bio-check medico estetico computerizzato, meridian-test Ryodoraku per personalizzare ogni trattamento estetico e medico sulle reali esigenze della persona, come un abito fatto su misura.
Cure personali estetiche con valenze curative grazie al sapiente utilizzo di cosmetici esclusivi, estratti da gemme preziose, veicolazione transdermica e riequilibrio dei punti e meridiani alterati.
Massima scientificità e professionalità quindi di tutto lo staff, per una “mission” oggi resa “possible” grazie alla struttura, ai prodotti e apparecchiature tecnologiche, ma soprattutto le mani ed il cuore di chi l’ha creata.

Il nostro augurio (e nostro claim): ritrova il tuo spazio…. per ritrovare te stesso !